LUCCHINELLI EXPERIENCE

Marco Lucchinelli è stato Campione del Mondo di Velocità della 500 cc nel 1981 alla guida di una Suzuki. In seguito cominciò uno nuova fase professionale ricca di successi in seno alla Ducati. Tra questi spicca la famosa vittoria a Daytona nel 1987 e il trionfo nella gara inaugurale del Campionato del Mondo Superbike.

Fausto Ricci noto per le sue performaces nelle competizioni del motomondiale nella classe 250 e 500 degli anni ’80, da quando smette le gare si dedica completamente a seguire i team e all’insegnamento, presso diverse strutture motociclistiche…….

Cristiano Lucchinelli, figlio d’arte e pilota istruttore da sempre per Kawasaki , Ducati e molte altre prestigiose marche e scuole di pilotaggio. Sempre disponibile e responsabile per i corsi dedicati al sempre piu’ vasto mondo di bikers al femminile.

Oggi la Lucchinelli Experience è ormai una realtà consolidata ed organizzata, che ha nelle proprie corde obiettivi chiari.








CHI SIAMO

La Lucchinelli Experience nasce nel 2014 per volere dei tre attuali maggiori interpreti della stessa Marco Lucchinelli, Fausto Ricci e Cristiano Lucchinelli.

L’idea nasce come volontà degli stessi di mettere a disposizione in una struttura organizzata , tutta la loro esperienza, trasmettendo ai partecipanti, oltre alle capacità tecniche della guida della moto, anche quel sentimento di passione tipico di chi vive fino in fondo il mondo delle due ruote.

Da una parte c’è il mondo delle corse. Con i propri corsi specialistici, sia per il livello di difficoltà che di durata, ha l’ambizione di saper migliorare con costanza le capacità individuali dei corsisti, per accompagnarli mano nella mano a raggiungere il livello di guida desiderato, sia esso un pilota amatoriale o professionista. In questo contesto è continua la ricerca di nuovi talenti da inserire nel grande mondo professionistico mondiale.
Dall’altra parte ritroviamo la sentita missione sociale della Lucchinelli Experience: trasmettere la consapevolezza dell’andare in moto. Per questo hanno preso il via i corsi sulla sicurezza stradale , sia con frequentazioni d’aula, sia con motogiri coordinati alla ricerca delle belle località italiane (ma non solo…) e di esperienze di guida su strade più impegnative.
Infine, ma non da ultimo, la Lucchinelli Experience si rivolge anche al mondo delle due ruote femminili, a tutte quelle ragazze e donne che oggi potremmo rappresentare con l’espressione “Donne in sella”, prima ed unica realtà italiana capace di far conseguire la patente moto in tre giorni alle aspiranti bikers.
Lucchinelli Experience vuole essere un valido interlocutore per tutti coloro che hanno la stessa passione per le due ruote, senza distinguere tra professionisti , amatori o quote rosa. La passione per la moto è un sentimento che non ha ne età ne sesso, vive in ognuno di noi con le proprie emozioni, questo è quello che ci accomuna e di cui andiamo orgogliosi.
Marco Lucchinelli (Ceparana, 26 giugno 1954) è un pilota motociclistico italiano ritiratosi dalle competizioni.

Vincitore del campionato del mondo nel 1981 nella classe 500 su Suzuki. Quasi completamente digiuno di corse, esordì nel 1974 con una Aermacchi 250 nella cronoscalata Saline di Volterra-Volterra. Nel 1975 Roberto Gallina gli fece provare sul circuito del Mugello una Laverda 1000 a tre cilindri categoria Endurance[1]: cadde quasi subito rompendosi il naso, ma i risultati ottenuti lo convinsero ad iscriversi sia al campionato nazionale che nel motomondiale classe 350 utilizzando una Yamaha.

Nello stesso anno partecipò ad altre prestigiose gare, tra cui le “24 Ore” del Montjuich (una delle più combattute edizioni di sempre[2]), di Spa-Francorchamps e di Le Mans e la 1000 km del Mugello, dimostrando un grande talento nel guidare sulla pista bagnata, caratteristica che non perderà mai[1]. Nel 1976 Gallina lo affiancò ad Armando Toracca, ex MV Agusta, su una Suzuki in 500. Contrariamente a Toracca, Lucchinelli ottenne buoni risultati, classificandosi quarto in classifica generale dopo due secondi, un terzo ed un quarto posto.

Soprannominato “cavallo pazzo”,

il suo stile spericolato attirava nei circuiti una grande quantità di pubblico, anche se le cadute, frequenti e spesso dolorose, gli impedivano di portare a termine molte gare. Molto abile nell’adattarsi a moto e circuiti nuovi (per questo, nonostante il suo basso numero di vittorie, viene incluso tra i grandi del motociclismo), per molto tempo preferì gareggiare affidandosi a squadre private piuttosto che “ufficiali”[1]: nella stagione 1977 fu coinvolto nella fallimentare (poiché terminò i soldi a metà anno) esperienza del Life Helmets Racing Team, mentre l’anno successivo corse con una Bimota-Yamaha 350, delle Suzuki RG 500 sponsorizzate dalla Cagiva e una Yamaha TZ 750.

Anche nel 1979 (anno in cui correva da privato, sempre con una Suzuki RG) non ottenne risultati di rilievo e al termine del campionato raggranellò solo 11 punti in classifica. L’anno seguente, ritornato nelle fila del Team Gallina, colse il suo primo successo mondiale nel Gran Premio di Germania al Nordschleife. Lucchinelli con il suo giro veloce 8:22.2 detiene il record motociclistico della pista da 22835 m[senza fonte] che non può essere battuto visto che dall’anno successivo la pista venne portata a 20832 m (in questa configurazione il record è 7:49.71 di Helmut Dähne nel 1993). Chiuse la stagione al terzo posto con 59 punti dietro Kenny Roberts e Randy Mamola. Nel 1981 vinse il mondiale dominando la scena grazie a cinque vittorie (Francia, Olanda, Belgio, San Marino e Finlandia) e 105 punti complessivi.

Sempre negli stessi anni si aggiudicò anche due titoli nel Campionato Italiano Velocità, sia nel 1980 che nel 1981, sempre in 500.

PILLOLE
“Dicono di te

Lucky canta la sigla di Cielo - Motogp

“Vederlo guidare è impressionante: il modo in cui disegna le linee e corre dandoti l'impressione di essere a passeggio è qualcosa di grandioso, impostando una guida bella, all'italiana, senza elettronica. Si ferma, si leva il casco e sa già tutto di come guidiamo nonostante fosse rimasto sempre davanti. ”
Massimo Curatola per Infomotori.



Contattaci senza impegno e scoprirai come tutto diventa più facile.... READY TO BREAK LIMIT...